martedì 1 agosto 2017

Il coraggio della disperazione : cronache di un anno agito pericolosamente di Slavoj Žižek




«Il coraggio della disperazione» è, secondo un’espressione del filosofo italiano Giorgio Agamben citata da Slavoj Zizek nella prefazione, il coraggio del pensiero filosofico nei momenti di maggiore crisi. Una crisi che è segnata, nell’ultimo anno, dal terrorismo internazionale, dalle ondate di migrazioni e dalle reazioni populiste e xenofobe che incontrano, e dall’elezione di Trump. Nuove tensioni internazionali, fra l’Occidente e la Russia, fra la Russia e la Cina, la Brexit, la crisi turca lasciano presagire difficili risvolti inquietanti per gli equilibri mondiali. Con la tempestività e l’acutezza che lo contraddistingue, Slavoj Žižek, “uno dei pochi autori viventi a combinare profondità teorica e irresistibile leggibilità” (Publishers Weekly), ci guida in una situazione intricatissima con il suo vigoroso e trasgressivo coraggio filosofico: fino ad affrontare la prospettiva di una nuova, possibile guerra mondiale. I temi del nuovo saggio riecheggiano così perfettamente le motivazioni della Giuria che ha assegnato a Žižek il Premio Hemingway 2017 per l’Avventura del Pensiero: “pochi intellettuali ci hanno avvertito meglio di Žižek delle contraddizioni e dei problemi del capitalismo contemporaneo, braccato dai suoi ‘quattro cavalieri dell’apocalisse’, rappresentati dalla crisi ecologica, dalle conseguenze della rivoluzione biogenetica, dagli squilibri interni al sistema stesso e dalla crescita esplosiva delle divisioni e delle esclusioni sociali. Una critica radicale, che spesso ci mostra nel gioco d’ombre dell’ideologia, quale è la vera posta in gioco. Uno dei più importanti e influenti filosofi contemporanei”.

Nessun commento:

Posta un commento